Come ci siamo conosciuti

SE C'E' UNA STORIA

La storia è semplice, sarebbe inutile raccontarvi "smielatamente" tutto di noi. Sguardi, abbracci, spiagge, corse, baci, università, mare, libri, caffè, crostatine al cioccolato, notti d'estate...e vissero felici e contenti!

La verità è questa!

Giovanna da bambina ha passato molto tempo a pensare quale sarebbe stato il nome dell'uomo della sua vita. Esattamente così, che fosse stato principe o rospo il suo nome sarebbe stato categoricamente bello, semplice, serio, composto e leggero allo stesso tempo: Antonio, Michele, Giuseppe, Gerardo...e perché no? Forse avrebbe chiuso un occhio anche per Pasquale! Se non le fosse piaciuto il nome, la sua risposta sarebbe stata solo una "No! Mi dispiace ma io e te non ci possiamo fidanzare!"

Alioscia invece aveva pensieri e sogni più maturi. Non era uno di quelli "moglie e buoi dei paesi tuoi". La sua fidanzata sarebbe stata una ragazza straniera, magari di un altro continente, avrebbe preso aerei un mese sì e l'altro pure per lei, e conosciuto tradizioni diverse dalla sua. L'indecisione sarebbe stata semplicemente scegliere tra Oriente ed Occidente.

Dopo anni di ricerca è andata proprio così! La straniera infatti non vive ne' in America ne' in Asia, praticamente poco sotto la sua regione, la ragazza della terra accanto per intenderci! Parla addirittura un'altra lingua... un dialetto meridionale. E lo scambio di tradizioni è avvenuto per lo più tra la cucina abruzzese e quella lucana. La ragazza che aspettava Antonio e Pasquale si è fidanzata con un ragazzo di nome Alioscia, non proprio quello che aveva immaginato ma, a quanto pare, ha chiuso entrambi gli occhi!

Insomma per una serie di combinazioni strane ci siamo incontrati, stiamo insieme e vi tocca fare questo matrimonio!

Aah...e comunque...non venite a dirci che non era tutto già scritto!